Lo scudo di Achille

33-Lo scudo di Achille

“[Achille] s’imbracciò lo scudo Che immenso e saldo di lontan splendea Come luna, o qual foco ai naviganti Sovr’alta apparso solitaria cima, Quando lontani da’ lor cari, il vento Li travaglia nel mar…” OMERO, Iliade, libro XIX, vv. 373-378; trad. it. V. Monti.

Annunci

O’ Vesuvio

 

DSC01828 - Copia2122716 - Copia

Da quanto si dica, si narri, o si dipinga, Napoli supera tutto:
la riva, la baia, il golfo, il Vesuvio, la città, le vicine campagne, i castelli, le passeggiate…
Io scuso tutti coloro ai quali la vista di Napoli fa perdere i sensi!
(Johann Wolfgang Goethe)

 

Nei Secoli Fedele

Nei secoli fedeli

“…lo ho visto il carabiniere soccorrere i prigionieri con la devozione della suora, l’ho visto confortare il condannato come il sacerdote nell’ora estrema, l’ho visto, dopo le lotte, curare i feriti come il medico, l’ho visto nella famiglia calmare gli odi e i rancori, come il confessore; l’ho visto presiedere alle feste dei villaggio come il patriarca della tribù, l’ho visto combattere come il guerriero, soffrire in silenzio come il religioso, morire come il martire … ”
( Generale Ambert )

 

Venere

27-venere

Venere, madre di Eneidi, che doni la gioia agli dèi ed agli uomini:

per te nel continuo avvicendarsi dei cieli le navi vanno sui mari,

le terre sono abitate e tutto quello che nasce rifugge al buio e si apre

alla luce del sole:

il vento si placa al tuo arrivo e le nuvole in cielo si fanno più rade,

la terra industriosa ci dona fiori di ogni colore: per te le marine sorridono mentre

si spande nel cielo un roseo chiarore.

( De rerum natura – Lucrezio )